“CONOSCERE PER PREVENIRE CONOSCERE PER CURARE”
LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI IN PROVINCIA DI CALTANISSETTA

DIFFUSIONE DEI DATI DEL TIENNIO 2007/2009


Invito per la partecipazione al Convegno: “La Registrazione dei tumori in provincia di Caltanissetta – Diffusione dei dati del tiennio 2007/2009”
Sabato 16 febbraio 2013 ore 9,30 sala convegni Villa Barile Via delle Calcare, Caltanissetta

Siamo lieti d’invitarVi a partecipare al Convegno per la diffusione dei risultati del progetto “Conoscere per prevenire – Conoscere per curare. Registrazione dei tumori e stili di vita positivi” che si terrà a Caltanissetta Sabato 16 Febbraio 2013 con inizio alle ore 9,30 presso la sala convegni di Villa Barile sita in Via delle Calcare.
Attraverso il suddetto progetto è stato istituito a Febbraio 2010 il Registro Tumori nella provincia nissena grazie alla sensibilità dimostrata dall’Amministrazione della Provincia Regionale di Caltanissetta.

Il progetto, elaborato dopo circa 2 anni di lavoro dallo staff del Consorzio P.S.G. è stato realizzato in collaborazione con l’ASP di Caltanissetta, a cura dell’Associazione Temporanea di Scopo “Stili di vita positivi” costituita dal Consorzio PSG, dal Registro Tumori Integrato CT-ME-SR-EN, dal Parco Scientifico Regionale della Sicilia e dall’ASP di Ragusa che ha avuto il ruolo di capofila essendo stata incaricata dalla Regione Siciliana per la registrazione dei tumori nella provincia di Caltanissetta attraverso lo storico Registro di Ragusa.

Durante il convegno i suddetti partner illustreranno le attività svolte e gli importanti risultati raggiunti: 1) L’implementazione della registrazione dei tumori al fine di studiare i fenomeni connessi alle cause tumorali, migliorare la qualità della vita e il programma d’interventi di cura e di prevenzione oncologica; 2) La realizzazione d’interventi di sensibilizzazione, informazione, prevenzione ed educazione rivolti in particolar modo ai giovani al fine di promuovere l’adozione di stili di vita sani e migliorare le conoscenze dei cittadini sui tumori, sui fattori di rischio e sui relativi metodi di prevenzione.

In particolar modo saranno diffusi i dati inerenti la registrazione dei tumori relativi al triennio 2007/2009.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito internet www.centrotumoricl.it oppure contattare la segreteria tecnica mercoledi e venerdi dalle 9,30 alle 13,00 al numero 0934594545 oppure visitare la pagina Facebook Registro tumori di Caltanissetta.

Confidando nella Vostra gradita partecipazione e collaborazione per la promozione dell'evento, si approfitta per porgerVi cordiali saluti

Continua a leggere

21 January 2013
Condividi

Codice europeo contro il cancro
Le 12 regole

Adottando uno stile di vita più salutare è possibile evitare alcune neoplasie e migliorare lo stato di salute.
1.Non fumare; se fumi, smetti. Se non riesci a smettere, non fumare in presenza di non fumatori.
2.Evita l’obesità.
3.Fai ogni giorno attività fisica.
4.Mangia ogni giorno frutta fresca e verdura (di stagione): almeno cinque porzioni. Limita il consumo di alimenti contenenti grassi di origine animale.
5.Se bevi alcolici, che siano birra, vino o liquori, modera il loro consumo a non più di due bicchieri al giorno se sei uomo, a non più di uno se sei donna.
6.Presta attenzione all’eccessiva esposizione al sole. È importante proteggere bambini e adolescenti. Coloro che hanno la tendenza a scottarsi devono proteggersi per tuta la vita.
7.Osserva scrupolosamente le raccomandazioni per prevenire nei posti di lavoro e nell’ambiente l’esposizione ad agenti cancerogeni noti, incluse le radiazioni ionizzanti.

Se diagnosticati in tempo molti tumori sono curabili.
8.Rivolgiti a un medico se noti la presenza di un nodulo; una ferita che non guarisce, anche nella bocca; un neo che cambia forma, dimensioni o colore; ogni sanguinamento anormale; la persistenza di sintomi quali tosse, raucedine, bruciori di stomaco, difficoltà a deglutire, cambiamenti come perdita di peso, modifica delle abitudini intestinali o urinarie.

Esistono programmi di salute che possono prevenire lo sviluppo di tumori e aumentare la probabilità che un tumore possa essere curato.
9.Le donne a partire dai 25 anni dovrebbero partecipare a screening per il tumore del collo dell’utero con la possibilità di sottoporsi periodicamente a strisci cervicali. Questo deve essere fatto all’interno di programmi organizzati, sottoposti a controllo di qualità.
10.Le donne a partire dai 50 anni dovrebbero partecipare a screening mammografici per il tumore del seno con la possibilità di sottoporsi a mammografia. Questo deve essere fatto all’interno di programmi organizzati, sottoposti a controllo di qualità.
11.Donne e uomini a partire dai 50 anni dovrebbero partecipare a screening per il cancro colonrettale all’interno di programmi organizzati e sottoposti a controllo di qualità.
12.Partecipa ai programmi di vaccinazione contro l’epatite B.

Continua a leggere

10 December 2012
Condividi

Prevenzione
L’attività di prevenzione comprende tutti gli interventi che consentono di allontanare le cause di insorgenza della malattia. Si può parlare di due diverse modalità di prevenzione:

PREVENZIONE PRIMARIA: consiste nello svolgimento di attività educative, informative e comunicative riguardo le patologie e gli strumenti di prevenzione e diagnosi precoce, mirate a sensibilizzare e responsabilizzare le diverse componenti della società.

PREVENZIONE SECONDARIA: consiste invece nell’attività specifica di diagnosi precoce attraverso visite ed esami diagnostici.

La DIAGNOSI PRECOCE è solo una delle modalità di prevenzione, e consiste nel cogliere la malattia nella fase iniziale del suo sviluppo, aumentando così le possibilità di cura e guarigione attraverso interventi tempestivi.

La promozione di stili di vita salutari

Altrettanto importante risulta un’altra attività, di tipo più educativo e informativo, vale a dire la promozione di stili di vita salutari.

Negli ultimi anni, numerose ricerche hanno sottolineato e confermato la relazione tra stili di vita e alcune malattie (cancro, malattie cardiovascolari, obesità, ecc…). È ormai noto che un particolare tipo di alimentazione, l’abuso di alcol, il tabagismo, la mancanza di attività fisica, ecc… favoriscono l’insorgere di patologie oncologiche.

Tra gli stili di vita, oltre alla lotta contro il tabagismo, è di fondamentale importanza l’educazione ad una corretta alimentazione.

Risulta quindi di primaria importanza l’obiettivo che l’associazione si propone di raggiungere l’attuazione di “percorsi” di prevenzione che coinvolgano più sfere comportamentali:
■Diagnosi precoce
■Educazione e informazione
■Stili di vita salutari

Continua a leggere

10 December 2012
Condividi

Mammella
Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità il rischio di tumore mammario nel nostro Paese aumenta rapidamente con l'età, raggiungendo un tasso annuo superiore ai 150 casi per 100 mila donne in epoca menopausale, per poi continuare a crescere, più lentamente, fino a tarda età. Effettuando la mammografia ogni due anni, le donne possono ridurre del 35% il rischio di morire per cancro della mammella. La mammografia è un esame del seno umano utilizzato come strumento diagnostico per identificare tumori e cisti. È stato provato che la mortalità per tumore al seno è ridotta per chi si sottopone all'esame: per questo viene consigliato un esame del seno periodico (ogni anno per le donne che hanno fattori di rischio, per esempio un pregresso tumore al seno o familiarità per esso, o al massimo ogni 2 anni in tutte le restanti donne che non hanno alcun fattore di rischio) tramite mammografia. Come esame di screening è consigliato a tutte le donne dai 45 anni ogni due anni se non sono nella classe a rischio, intercalato dall'ecografia mammaria.
Gli utenti riceveranno una lettera di invito che conterrà tutte le informazioni per recarsi nei centri individuati per effettuare la mammografia. Attualmente le aziende ospedaliere in cui verranno eseguiti gli esami sono:
• "S. Elia" di Caltanissetta - Via Luigi Russo, 6 Tel. 0934 559111
• "Vittorio Emanuele" di Gela - Via Palazzi, 171, Tel. 0933 831111


Colon-retto
Con il termine cancro del colon-retto (CRC) si fa riferimento ad un insieme di tumori che si localizzano nel colon, nel retto e nell'appendice. Con 655.000 morti all'anno nel mondo, è la terza più comune forma di cancro. L'incidenza di CRC aumenta con l'età del soggetto. Raramente colpisce soggetti con età inferiore ai 50 anni.
L'evoluzione del cancro del colon-retto è lenta; per questo motivo, lo screening è uno strumento importante per la diagnosi precoce e per organizzare una migliore strategia terapeutica. Lo screening consiste nella ricerca del sangue occulto nelle feci. Il sangue occulto è la presenza di sangue all'interno delle feci. Si differenzia quindi dal sangue rosso vivo che si trova sulla carta igienica in caso di emorroidi, per esempio.
I soggetti, maschi e femmine, di età compresa tra i 50 e i 69 anni saranno invitati ad eseguire, con unico campione e senza restrizioni diete tiche, il test per la ricerca del sangue occulto. Se il test risulta positivo, verranno eseguiti approfondimenti tramite colonscopia ed eventualmente con altre metodologie per indentificare la natura nel sanguinamento


Collo dell'utero
Il collo dell’utero, o cervice, è l’estremità inferiore dell’utero che collega il corpo dell'utero alla vagina. La cervice è soggetta a varie trasformazioni nel corso della vita della donna (con la pubertà, il travaglio, la menopausa ecc…). Tra la parte esterna (esocervice) e quella interna (endocervice), esiste una zona estremamente delicata, punto di unione delle due parti: in questa area ha origine la maggior parte dei tumori della cervice.

La causa primaria del cancro del collo dell’utero non è ereditaria: ma è dovuta ad un virus, il Papillomavirus Umano. Questo virus è in grado di trasformare le cellule della cervice in cellule anomale che, in un esiguo numero di casi, possono diventare cellule cancerogene. Esistono vari tipi di Papillomavirus umani. Nella maggior parte dei casi sono innocui, ma taluni possono essere molto pericolosi, come quelli in grado di provocare il cancro cervicale.
Gli utenti riceveranno una lettera di invito nella quale saranno indicati la data e il luogo per eseguire il Pap-test. Tale esame sarà eseguito presso i consultori familiari e punti prelievo dell'ASP.
Pap-test o striscio vaginale, è un esame di routine effettuato dal tuo medico curante o dall'ostetrica per verificare l'eventuale presenza di cellule anomale nel rivestimento del collo dell'utero. Durante la visita ginecologica, il medico ti preleverà un piccolo campione di cellule dal collo dell'utero (la parte inferiore dell’utero che collega questo alla vagina). Le cellule verranno quindi esaminate per individuare eventuali anomalie e, qualora queste vengano riscontrate, potranno essere raccomandati ulteriori esami di approfondimento.

Il Pap-test è un esame semplice e assolutamente indolore che può servire a salvarti la vita.

Continua a leggere

17 October 2012
Condividi

“Progetto Luna O.N.L.U.S.” informa:

SU INIZIATIVA DELL’AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CALTANISSETTA:

LE DONNE DA 45 A 69 ANNI (ogni due anni):
POSSONO FARE UNA MAMMOGRAFIA GRATUITA SENZA RICHIESTA MEDICA PORTANDO UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO

LE DONNE DA 25 A 69 ANNI (ogni tre anni):
POSSONO FARE IL PAP TEST NEI CONSULTORI

UOMINI E DONNE DAI 50 AI 69 ANNI (ogni due anni):
POSSONO RITIRARE PRESSO LA SEDE DELL’ASSOCIAZIONE “PROGETTO LUNA” (S.Elia piano terra ex edicola) IL KIT PER EFFETTUARE A CASA PROPRIA L’ESAME DEL SANGUE OCCULTO NELLE FECI

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
CHIAMARE LE VOLONTARIE DELL’ASSOCIAZIONE
DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE 10,30 ALLE 12,30
TEL. 0934 559686

FUORI ORARIO CELL. 3288156903 – 3404097194


“Progetto Luna” Associazione di volontariato per l’informazione e la prevenzione oncologica


Continua a leggere

17 October 2012
Condividi

Tramite un esame del sangue che decifra i risultati genetici come fossero un
codice a barre è possibile individuare con maggiore precisione i tumori alla
prostata più aggressivi. Ad esserne convinti sono di un gruppo di scienziati
del London’s Institute of Cancer Research che hanno effettuato uno studio
sull'argomento pubblicato dalla rivista Lancet Oncology. Dato che questo
tipo di cancro si presenta in forme molto differenti, il test permette di
catalogare i pazienti a seconda della gravità della malattia. Ciò consentirà
di elaborare diagnosi sempre più dettagliate e trattamenti personalizzati.
La necessità di nuovi biomarcatori sono necessari per migliorare i
trattamenti e accelerare lo sviluppo di nuovi farmaci.

Continua a leggere

15 October 2012
Condividi

Sviluppato un metodo per causare morte cellulare usando un campo magnetico.
La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Materials e' opera di un gruppo
di ricercatori della Yonsei University di Seul. Uno dei problemi piu'
importanti, nella cura del cancro, e' usare un metodo che colpisca le
cellule malate lasciando indenni quelle sane. In questo studio gli
scienziati hanno introdotto nanoparticelle di ossido di ferro nel sangue che
si sono legate agli anticorpi. Successivamente, gli anticorpi si sono legati
ai recettori delle cellule tumorali: quando e' stato introdotto un campo
magnetico, le nanoparticelle si sono raggruppate in cluster che hanno
innescato una risposta naturale e un segnale di morte. In condizioni come
queste si verifica spontaneamente l'apoptosi, cioe' la morte programmata
delle cellule, che causa la distruzione del tumore. Gli scienziati hanno
testato le nanoparticelle su cellule cancerose del colon, che naturalmente
si legano agli anticorpi. Nell'esperimento, oltre la meta' delle cellule
tumorali esposte al trattamento e' stata uccisa, mentre nessuna di quelle
non trattate e' morta. La ricerca e' comunque ancora agli inizi e necessita
di ulteriori approfondimenti, dato che in altri esperimenti questo tipo di
trattamento ha provocato delle anomalie nella coda dei pesci-zebra coinvolti
nei test.

Continua a leggere

15 October 2012
Condividi

| 1 |

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Commenti
" Noi studenti della 4A biologico riteniamo che l'incontro sia stato molto interessante ed educativo poichè l'esposizione del Professore Fidelbo, che ha adoperato un linguaggio semplice e comprensibile, ha catturato l'attenzione e l'interesse di tutti i ragazzi presenti. Inoltre il professore ha trattato delle tematiche attuali che minacciano la nostra salute. Grazie alle informazioni ricevute nel corso dell'incontro noi studenti abbiamo iniziato a comprendere l'importanza modificare i nostri stili di vita e assumere comportamenti adeguati al fine di preservare la nostra salute e di conseguenza anche quella dei nostri amici e familiari. Ci piacerebbe molto incontrare nuovamente il Professore Fidelbo per approfondire altre tematiche quali ad esempio quelle relative ai disturbi alimentari, le malattie sessualmente trasmissibili e i danni provocati dal fumo e dall'alcool

4B Biologico Itas Russo " La nostra classe è rimasta molto soddisfatta dell'incontro in cui è stata coinvolta. Essendo indirizo biologico, gli argomenti trattati sono stati interessanti e sono serviti a migliorare la nostra conoscenza non solo in ambito scolastico, ma anche personale. Per questo motivo saremo felici se questo incontro si ripetesse più volte nel corso dell'anno, e ci piacerebbe trattare maggiormente argomenti come, malattie sessualmente trasmissibili, malattie legate al sangue e la loro prevenzione

Leggi tutti i commenti  
Diventa Fan su Facebook
Contact Info
Centro Tumori e Stili di vita positivi
Sezione Provinciale del Registro Tumori di Ragusa e Caltanissetta




Web site: www.centrotumoricl.it
Email: info@centrotumoricl.it